Scilla e Cariddi -articoli ospiti-


 

ristorante glaucoLo stretto di Messina,dagli antichi,era considerato il punto piu’ pericoloso del Mediterraneo,a causa di violenti vortici che si formano per le forti correnti presenti in questo tratto di mare. La fantasia popolare ha trasformato i gorghi in terribili MOSTRI,sempre in agguato:SCILLA,nella costa calabra e CARIDDI,nella costa siciliana.

SCILLA,bellissima ninfa,trasformata in mostro, era il pericoloso promontorio dove spesso andavano a sbattere e a fracassassi le navi,trascinate dalle forti correnti.    CARIDDI,bellissima figlia di Posidone trasformata in abisso marino,era un vortice insidioso che inghiottiva le navi che si trovavano a passare nei paraggi.

  Oggi le correnti ci sono sempre,ma non sono piu’ pericolose per la navigazione,dato che il fondo marino si e’ trasformato e modificato

                                                                                                   Secondo la leggenda più nota,SCILLA era una bellissima ninfa della Calabria che amava,riamata,GLAUCO,un dio marino dai capelli azzurri,come le onde,e secondo alcuni un pescatore
. Anche la maga CIRCE era innamorata di Glaucoe,per liberarsi della rivale,la attiro’ nella sua caverna e le fece bere un filtro magico. La bella ninfa si trasformo’ in MOSTRO orrendo,con 12zampe,6 teste in cima a lunghi colli e fauci con zanne appuntite. Disperata, si rifugio’ in una grotta della vicina rupe,a picco sul mare e da li,protendendo i 6 lunghissimi colli,si cibava di grossi pesci e di marinai tra cui6 sfortunati compagni di Ulisse.                                                                                                  A SCILLA,pittoresca cittadina in provincia di Reggio Calabria situata su un promontorio che degrada verso il mare,si trova un locale chiamato GLAUCO,in ricordo di questa leggenda.
“The castle in Scilla, together with the mythological and mighty rock on which it stands at about 70 meters above sea level, has long been the emblem of the town. There are numerous legends regarding the fact and history of the fortress as well as the Homeric myth of “Scilla and Cariddi”. The origins of the castle date back to Ulysses who built the oldest part of it as a temple in honour of Minerva.”There is a legend from the ancient times about two terrible giants, Scilla and Cariddi, guarding the strait of Messina, swallowing the water in the passage from Tyrrhenian to Ionian Sea, to explain the whirlpools and the rough sea causing innumerable shipwrecks and so many losses of unfortunate sailors. In the modern time there is another passage which gives the shivers to the over-sixty year old owners and founders still at the helm of their companies but thinking to pass the baton. It is the generation change, the passage from father to son of the responsibility of the family business.

Nella

11 thoughts on “Scilla e Cariddi -articoli ospiti-

  1. How fascinating! Scilla is one of my favourite spots in Southern Italy and I have wonderful memories of the area. Congratulations to Nella for this interesting article and photos !! Zia Elena

  2. Un bellissimo soggetto presentato da Nella! Interessante come miscuglio di storia, leggenda, mitologia, e descrizione di una localita’ unica al mondo per la sua bellezza naturale e pericolosa nello stesso tempo per le fortissime correnti marine che hanno causato moltissimi naufragi attraverso i secoli. Naturalmente Scilla per me rappresenta uno dei miei posti preferiti da visitare e…moltissime memorie! Enzo

  3. E’ vero: è un posto incantevole, quando ci si passa vicino da quel ponte altissimo si vede un paesaggio che toglie il fiato… Peccato per i tanti abusi architettonici nella zona dello stretto di Messina! Potrebbe essere uno dei posti più belli del mondo, ahimè… Grazie Nella per questo bell’articolo con tanto di storia malinconica della povera ninfa!

  4. Scilla e’ proprio bella. Ha veramente una vista mozzafiato. La leggenda ha fatto il resto. ( Cate, ormai hai validi collaboratori da ogni parte, vero?).

  5. Il locale GLAUCO,quanti ricordi!!!li’ abbiamo trascorso momenti davvero indimenticabili!Manca solo la vostra venuta,Enzo ed Elena!!

  6. Grazie zia! Che bell’ articolo e che bei ricordi di giorni passati a Scilla! Non vediamo l’ora di ritornarci insieme.

I commenti sono chiusi.