I Fortini di Pentimele-Articoli ospiti – da Pina


Questo slideshow richiede JavaScript.


nella zona nord della citta’ di Reggio Calabria sorge la collina di Pentimele dove intorno al 1500 per la sua posizione strategica, doveva sorgere un castello per assicurare la difesa della citta’ dalle continue scorrerie piratesche. I lavori furono pero’ ben presto interrotti per mancanza di fondi(come sempre….)e ripresi per costruire,in un primo momento una semplice torre,chiamata PINDIMERI e nel1890 due fortificazioni che hanno assicurato la difesa della citta’ fino alla seconda guerra mondiale. Da questa collina si gode un panorama mozzafiato: la vista spazia dalla sottostante citta’,al suggestivo stretto di Messina ,con la veduta della maestosa Etna! Questo luogo,per la sua posizione incantevole,fu considerata dagli antichi Greci,fondatori della citta’, la sede delle SIRENE,infatti il nome Pentimele deriva da un termine greco che significa 5 Melidi,ossia5 sirene o 5 ninfe.Ammirando da qui il panorama circostante si prova davvero un senso di godimento spirituale e sembra di udire il canto melodioso delle sirene…!In the North of the city of Reggio Calabria tjere os a hill called Pentimele,where,in the 1500 ,,should have been built a calsle, for its very stategic position, but as always, it has not been built,for money problems,The olnly thing that stands its a tower,called Pindimere,,and in the yearrs 1890,and two fortifitations, helped the city,to stay safe and secure,until the secon world war,from various pirates-

From this hill, you can admire,a very nice view,of the city of Reggio Calabria,and you can also admire Messina,and munt Etna.the Greeeks,where so admiref by thisis places, that it was received the name the home of marmaid.Its a very nice calm spiritual place,and some say,that you can hear the mairmaids.

18 thoughts on “I Fortini di Pentimele-Articoli ospiti – da Pina

  1. il fortino di Pentimele divenne, col tempo, la sede preferita delle coppie di giovani ragazzi che lo sceglievano per andarci quando marinavano la scuola o quando cercavano un posto suggestivo e tranquillo dove potere isolarsi dal resto del mondo e parlare di ciò che più stava loro nel cuore, senza temere di essere disturbati.

  2. A meticulous description of a beautiful location overlooking the Strait of Messina. Thank you to Pina for a very interesting and descriptive subject and its history! Zia Elena

  3. Ahahah, Cate, come sei irriverente verso il Corrispondente da Pisa (che evidentemente vanta anche origini calabre)!
    Comunque sì, sembra un posto silenzioso e lontano dal mondo, davvero molto suggestivo…

  4. Evidentemente l’ articolo su monte Soratte di Gaya ha ispirato Pina a presentare,in un immaginario gemellaggio,la fortezza militare di Reggio esistente sulla collina di Pentimele, il cosiddetto ” FORTINO”. Quando sono andata la prima volta a visitare questo posto,ricordo che ho sofferto di mal d’ aereo,pur avendo i piedi per terra, a causa della strada che sale a spirale e si snoda a strapiombo,lungo tutto il tortuoso cammino,ma sono stata ripagata dallo splendido panorama che mi si e’ offerto allo sguardo e dagli interessanti resti delle antiche fortificazioni. Peccato che,in atto, questo bel posto versi in uno stato di colpevole abbandono….Spero che le nuove generazioni sappiano valorizzarlo come merita…!

  5. Congratulazioni a Pina per avere scelto un ottimo soggetto! La descrizione di Pentimmele e’ perfetta e ha risvegliato in me tanti ricordi! Zio Enzo

    1. Peccato,che almeno per adesso tu non possa venire a ammirarlo!!almeno ci sono le belle foto,per farti ricordare i bei tempi passati

  6. Nel2009, sulla collina di Pentimele e’ stata eretta una colonna,che dovra’ raggiungere 20metri di altezza,su cui e’ stata posta una statua raffigurante S. Paolo che si staglia maestosa verso il cielo e pare abbracci e protegga la citta’ di Reggio.L’artista scultore,nell’eseguire l’opera,si e’ ispirato,a suo dire,non solo alla grande figura di Paolo,ma anche all’episodio della COLONNA ARDENTE,collegato al passaggio di Paolo per la citta’. Durante il viaggio che lo portava,come prigioniero, da Gerusalemme a Roma,dove visse per pochi anni prima di subire il martirio, fece sosta a Reggio e qui ebbe il permesso di parlare di Gesu’ alla folla,solo per la durata della fiamma di una torcia appoggiata su una colonna di granito. Esaurita la torcia,il fuoco si appicco’ alla colonna,consentendo a Paolo di completare la predica. Molta gente si converti’ e a Reggio nacque la prima Comunita’ Cristiana. I resti della colonna sono conservati nella Cattedrale della citta’,a testimonianza dell’accaduto

  7. E’ proprio, come già detto, una visione mozzafiato quella che si ammira dalla cima della collina di Pentimele. Tutta la città di Reggio, con il stretto di Messina, visti dall’alto , sembra stiano ai tuoi piedi. Questa collina, situata nella zona nord della città, si trova in una posizione strategica, come molto bene precisato nella presentazione del “fortino di Pentimele”. Peccato non venga opportunamente sfruttata dal punto di vista turistico. Si spera che per il futuro venga utilizzata per come merita.

    1. In tutta italia,ci sono delle belle zone turistiche,ma purtroppo,specie al sud,vengono sottovalutate,e non pubblicizzate bene per il turismo

  8. Mi ha fatto tanto piacere apprendere che l’articolo Su Pentimele abbia suscitato bei ricordi….Un caro saluto ad Elena e Enzo che ringrazio per l’apprezzamento.

  9. Verissimo… Pensiamo ai Bronzi di Riace! 😦
    Molto interessante, Nella, la vicenda di San Paolo e del miracolo della colonna in fiamme… Spero un giorno di poter visitare questo bel luogo!

I commenti sono chiusi.