Articolo ospite-a cura di Gaya-Le città del Lazio


  • Le città del Lazio

Le città megalitiche del Lazio.
Una delle mie recenti fissazioni consiste nell’andare a caccia di “misteri archeologici”: uno molto a portata di mano è quello di alcune antiche cittadine del Lazio che conservano antichissime mura ciclopiche, secondo me appartenenti a civiltà più antiche di quella romana o neolitica, cui vengono attribuite di solito. Le pietre sono enormi, di grande peso come quelle di Stonehenge, e montate in un modo raffinato e complesso che non prevede spazi o imperfezioni tra un masso e l’altro. Impressionanti sono i portali, sotto i quali si avverte una strana e forte energia! Credo che in antichità questi siti avessero una funzione diversa da quella semplicemente difensiva, anche perché nell’età del Bronzo non era indispensabile circondarsi di mura spesse sei metri! 😀
Il prossimo mistero nella prossima puntata!!! 😀

The cities of Lazio

The megalithic cities of Lazio.
One of my recent fixations is to go hunting for “archaeological mysteries”: one very close at hand is that of some ancient towns of Lazio that preserve ancient cyclopean walls, according to me belonging to civilizations older than Roman or Neolithic, which are usually attributed. The stones are huge, of great weight like those of Stonehenge, and assembled in a refined and complex way that does not provide spaces or imperfections between one boulder and the other. The portals are impressive, under which there is a strange and strong energy! I believe that in ancient times these sites had a different function from that simply defensive, also because in the Bronze Age it was not necessary to surround yourself with walls six meters thick! 😀
The next mystery in the next episode !!! 😀

-Articoli Ospiti a cura di Gaya-I cuccioli di leopardo nati al parco bioparco di Roma


Anche se non è il massimo sapere di animali non liberi nel loro habitat, a volte la cattività consente la tutela e la conservazione di animali spesso preda di bracconaggio o a rischio di estinzione…
Essendo io abbonata al Bioparco di Roma per potermi esercitare nel disegno dal vero, sono diventata molto “amica” di alcuni animali che ormai hanno imparato a riconoscermi… In particolare i leopardi delle nevi, Silky e Baal! Da pochi mesi a questa meravigliosa coppia sono nati due splendidi cuccioli, un maschio e una femmina che ancora non hanno nome… La cosa bella è stata che, non ostante al momento del mio arrivo i piccoli stessero facendo colazione nel casotto chiuso in cui vanno quando vogliono un po’ di privacy, la mamma Silky, capendo che desideravo ammirarli (lo ammetto: gliel’ho proprio chiesto!), è andata dentro, ha preso le costate di capra che costituivano il loro pasto, e le ha portate proprio davanti a me (ovviamente eravamo separate dal vetro di protezione!), cosicché i cuccioli, per poter mangiare, sono dovuti uscire e venire proprio di fronte ai miei grati occhi! 😀 Silky era orgogliosa e fiera della mia ammirazione… 🙂 È stato un momento letteralmente magico…

Even if it is not the best knowledge of non-free animals in their habitat, sometimes the captivity allows the protection and conservation of animals often prey of poaching or threatened with extinction …
Being a subscriber to the Rome Biopark to be able to exercise in real life, I became very “friendly” of some animals that have now learned to recognize me … In particular the snow leopards, Silky and Baal! From a few months to this wonderful couple were born two beautiful puppies, a male and a female who still have no name … The nice thing was that, despite the arrival of the little ones were having breakfast in the closed shed where they go when they want a little privacy, mother Silky, understanding that I wanted to admire them (I admit it: I asked her!), she went inside, she took the goat ribs that made up their meal, and she brought them in front of me (of course we were separated by the protective glass!), so that the puppies, in order to eat, had to come out and come right in front of my grateful eyes! 😀 Silky was proud and proud of my admiration … 🙂 It was a literally magical moment …

Bomarzo Alternativa-Articolo ospite- a cura di Gaya


img_4892

img_4851
Nelle piramidi
img_4884
In uscita

 

img_4857-1
Santa Cecilia
img_4853
Panorama
img_4856-1
Nella grotta

Benché la piccola ma deliziosa Bomarzo, in provincia di Viterbo, sia notissima (e meritatamente!) per il suo Parco dei Mostri, meraviglia del Rinascimento, abbiamo scoperto, durante delle escursioni al seguito di una guida archeologica ed ambientale, che i boschi intorno ad essa nascondono segreti ancora in parte sconosciuti… Ad esempio, tombe ed altari del quinto secolo dopo Cristo ma fatte in stile etrusco per l’isolamento in cui versavano le popolazioni locali; ma, soprattutto, una piramide a gradoni simile a quelle precolombiane, datata al 1500 avanti Cristo, sprofondata nel bosco e nemmeno indicata da alcun segnale!
Nei boschi, anche molte grotte scavate nel tufo simili ai “Sassi di Matera”, utilizzate come abitazioni nel corso dei secoli…
Luoghi ancora misteriosi ed incontaminati!

Although the small but delightful Bomarzo, in the province of Viterbo, is very well known (and deservedly so!) For its Park of Monsters, a marvel of the Renaissance, we discovered, during the excursions following an archaeological and environmental guide, that the woods around it hide secrets still partly unknown … For example, tombs and altars of the fifth century A.D. but made in Etruscan style for the isolation in which the local populations lived but, above all, a stepped pyramid similar to the pre-Columbian ones, dated to 1500 BC, sunk in the woods and not even indicated by any signs!!!

In the woods, also many caves dug in the tufa similar to the “Sassi di Matera”, used as dwellings over the centuries …

Places still mysterious and uncontaminated!

Articoli ospiti-Padova


 

Poiché Andrea una volta al mese tiene un corso per superare la paura volare all’aeroporto di Mestre, questa volta ho approfittato anch’io per andare insieme a lui un week-end nella vicina e bella Padova… Una città a misura d’uomo, pulita e giovane, con tante cose da vedere e… da gustare!
Abbiamo assaggiato i “bìgoi”, la pasta tradizionale, in uno street-food sotto i portici, poi potete vedermi in una foto davanti le colonne dello storico Caffè Pedrocchi, e ancora il vassoietto di mignon che abbiamo preso alla pasticceria Cavour…
In un’altra foto mi vedete in Piazzetta delle Erbe davanti lo splendido Palazzo della Ragione (che ospita il salone più grande del Mondo, tutto affrescato da artisti del tardo Medioevo) e dove la sera abbiamo preso il famoso Spritz, e in un’altra con Andrea al Prato della Valle, la piazza più grande del Mondo dopo la Piazza Rossa di Mosca, incredibile col suo fossato che la circonda, con ponti e palazzi sull’acqua proprio come quelli di Venezia!
Non è mancata una visita al giardino botanico, pieno di tulipani e magnolie in fiore, e naturalmente al santuario di s. Antonio: è stata un’esperienza molto toccante e spirituale, e posso dirvi che, nell’avvicinarsi alla tomba del Santo insieme ai pellegrini, si percepiva una forza magnetica particolare e che mi ha colpita molto…
Consiglio a tutti una visita in questa città piena d’arte e spiritualità e dove la gente è allegra e disponibile!
Andrea once a month has a course at the airport of Mestreof course of fear to fly,thins time I went with him,and took the advantage to go and visit the nearby beautiful city of Padova.A small elegant city human scale,with many things To di and visit-
We ate the local famous pasta “Bigoi”in one of the local stress food under- the arcade .we went also to the famous “caffe petrocchi “and a local pastry shop where we ate some mignons!we also visited the “piazzetta delle erbe”where is located the palazzo della ragione (a museum of beautiful frescoes of the medieval period,.An evening we had the famous spritz. In another photo with Andeea you can see “prato della valle”one of the l’arresto streets after Moscow.we also cvisired the botanical gardens and the sanctuary santAntonio,it has been a very interesting and touching experience .
I can definitely advice you to visit Padoa,a city full of art,spirituality and the people are very friendly !

Antica Monterano-articoli ospiti-


Una gita che vale la pena fare se ci si trova nei dintorni di Bracciano, è quella alle rovine dell’antica città di Monterano, borgo molto importante fino al 1600 (anche sede vescovile) e poi abbandonato completamente. In mezzo alla natura più selvaggia, ci si imbatte in una chiesa diroccata con dentro un grande albero di fico (ci hanno girato una famosa scena del Marchese del Grillo, con Alberto Sordi), con davanti una fontana addirittura del Bernini…! I resti della città sono grandiosi e fanno pensare ad un setting per un film di fiabe. Il tutto immerso nel verde poichè completamente abbandonato dalle soprintendenze, come spesso succede! Veramente suggestivo.
Another interesting,uknown italian city to discover,near Lake Bracciano Lazio,is the little hamlet of Monterano,it was a very important hamletin the 1600.It was also a episcopal headquarters.Of couurse now its ruined.Near there there is a figs tree with primitive nature and was a location for a film”il marchese del grillo”with Alberto Sordiand infront there is a very nice fountain of “Bernini”
the rest of the city its very green and looks like a fairy taile setting of course not presererved has usual!!

Visita a Capalbio- articoli ospiti-


A Capalbio siamo stati a visitare l’incredibile Giardino dei Tarocchi, una serie di sculture gigantesche realizzate dall’artista Niki de Saint-Phalle, nel corso di quasi vent’anni! Le statue sono ispirate a temi eterni, sia umani sia più metafisici, e l’opera è nel complesso persino commovente! L’artista si è ispirata al Parco Guell di Gaudì e quello di Bomarzo.


At new year,we Went to visit Capalbio.There we visited among other things,”il giardino dei tarocchi”.Here you can find lots of different scultures made by the artist Nichi saint phallle.The statues are isppired by a lot of different themes,and are allveey nice!You can find other parks like this,such as parcel Guell Gaudi and in Bomarzo

Tuscania -articoli ospiti-


Qualche settimana fa Andrea ed io siamo stati a Tuscania, un’antica cittadina della Tuscia che non conoscevamo ancora. Siamo rimasti sbalorditi dalla ricchezza artistica di questo luogo, il cui centro storico contiene, al suo interno, un parco naturale che ospita, fra l’altro, due meravigliose chiese romaniche: San Pietro e Santa Maria, che potete vedere nelle foto. La visita è stra-consigliata!
a Few weeks ago, and Andrea Iwent to to do some sightseeing in the village of Tuscania situated in the region of Viterbo .It is a very old town.the cenre contains Two beautiful chersus saint Peters and saint mary-there you can visit two beautiful churcis,San Peter’amust-do visit if you are in the area!

Couscous vegetariano


wpid-wp-1435072123853.jpeg

Un’altra ricetta vegetariana, molto gustosa, estiva e ricca di nutrienti è il cous cous vegetariano.
Il cous cous (meglio se integrale, ricco di vitamine del gruppo B e acido folico) va semplicemente fatto rinvenire in un po’ di acqua bollente, sgranandolo mano a mano con una forchetta; io nell’acqua metto ad infondere della menta o del tè. Una volta pronto, si aggiungono pomodorini dolci a spicchi, menta fresca, carote jullienne, rughetta, olive e capperi. Si può aggiungere della feta greca se non si è del tutto vegani. Fatemi sapere se vi va di provarlo e cosa ne pensate!

Another nice vegeterian recepy,very nice light especcially for the summer period,is the vegetarian coucouscous.preferably integral,very rich in vitamins b and folic acid.Very easy to make,just soften up boiling the hot water peel of the seeds with a folk, in the water i Add Mint or tea to give more flavour.once Ita ready puadd slices of tomatoes fresh mint,carrots Julienne rocket,cappers.If you want you can also add some feta cheese,if you are not strictly vegans.let my know if you enjoyed it!!

Matera – articoli ospiti


Questo slideshow richiede JavaScript.

MATERA

Per Pasqua siamo stati, per la prima volta (ma spero non l’ultima!), a Matera, città dei Sassi. Un luogo magico e meraviglioso che consiglio vivamente! Fino al ’53 i Materani vivevano nelle case-grotta, che tutt’ora sono visitabili. La collina è inoltre costellata di chiese e case rupestri, scavate nella roccia nel corso dei millenni. Uno spettacolo unico al mondo! La collina è separata dal “Sasso Caveoso”, una delle zone di Matera, da un canyon in cui scorre un fiume. In cima si possono ancora scorgere le tre croci utilizzate da Mel Gibson per il suo film “La Passione di Cristo”. Anche Il Vangelo Secondo Matteo di Pierpaolo Pasolini è stato girato qui.
Tutto ha un’atmosfera fantastica ed irreale… Posso solo aggiungere che in vita mia nessun luogo mi ha mai impressionato tanto!
Chi può la visiti, anche per incrementare il turismo di una regione povera ma splendida come la Basilicata, i cui abitanti stanno cercando di valorizzarla con coraggio, serietà e tanto sacrificio… Una vera lezione di vita!
For easter we went for the first time, to visit the town of Matera, a very magical spot, that I recommend a visit.the hill has a little canyon, from which a river flows there.in the city, many films where set there, such as the passion of Christ, and the vangelo of Pasolini.you can still see, the Crosses used on the films.
I had a very good impression of the city.Who can please visit, it has his merits and also the region of Basilicata worth a detour.